A tutti gli associati

Se volete, inviate le vostre foto di quando siete in campo, con la data e la partita in questione al seguente indirizzo:

 web@aiaimperia.com

Saranno aggiunte alla photogallery al più presto.


 


Maurizio Viazzi e Federico Marchi confermati nel Cra Liguria

 

Sono due gli imperiesi nominati nel Comitato Regionale degli arbitri di calcio del nuovo presidente Mauro Bergonzi, ex internazionale con 150 presenze in serie A. Si tratta di Maurizio Viazzi e di Federico Marchi (nella foto). 

Maurizio Viazzi, per dieci anni protagonista in qualità di assistente in serie A dove ha collezionato 105 partite, è stato riconfermato responsabile regionale degli assistenti arbitrali, a testimonianza dell'ottimo lavoro svolto durante la scorsa stagione sportiva. Federico Marchi sarà invece, per il sesto anno consecutivo, il referente regionale della comunicazione per il Cra Liguria. 

La sezione arbitri di Imperia continua così, con i propri associati, a collezionare risultati non solo sui terreni di giuoco, ma anche a livello dirigenziale. Il presidente Franco Cane ha quindi voluto fare i complimenti a Viazzi e Marchi per questa conferma augurando loro buon lavoro.

Ora, per quel che riguarda l'organizzazione interna dei fischietti imperiesi, è già stata avviata la fase preparatoria per la prossima stagione, che si aprirà con il raduno precampionato di settembre.

La sezione di Imperia organizza continuamente corsi gratuiti per diventare arbitri di calcio. Per informazioni è possibile scrivere una mail all'indirizzo imperia@aia-figc.it

 
 

I premi sezionali al termine della stagione sportiva 2013/2014

Una delle novità apportate dalla sezione di Imperia durante questa stagione sportiva, è stata la reintroduzione dei premi sezionali. Una tradizione che negli anni si era persa e che ora è stata recuperata. La consegna dei riconoscimenti ai colleghi che si sono maggiormente distinti nella propria attività, si è svolta durante la festa di fine stagione.
«Come consiglio direttivo abbiamo voluto rilanciare i premi sezionali. - ha detto il presidente dei fischietti imperiesi Franco Cane - Abbiamo quindi istituito tre premi, intitolati ad altrettanti colleghi che hanno rappresentato la storia della nostra sezione».
Il Premio “Sergio Rizzo”, riservato all'osservatore arbitrale che si è maggiormente distinto nella stagione sportiva, è stato assegnato a Luca Amoretti, approdato lo scorso anno alla CAN B. Il Premio “Nedo Revello”, destinato ad associati imperiesi in forza all'Organo Tecnico Regionale, è stato consegnato all'assistente Maurizio Ferrari, neo promosso in CAN D. Infine il Premio “Sandro Muratore” è andato al giovane Luca Schiavon, che a meno di un anno dall'esame ha già esordito in Terza Categoria.
«E' stata una serata piacevole ed importante - ha concluso il presidente Franco Cane - in cui abbiamo voluto celebrare alcuni colleghi, che si sono meritati questi premi, ed abbiamo voluto festeggiare insieme l'ennesima stagione vissuta sui terreni di giuoco».

                                                                                  Federico Marchi


Due nomine nel Settore Tecnico per la sezione di Imperia

L'osservatore arbitrale della sezione di Imperia Antonello Motosso è il nuovo mentor ligure del calcio a cinque. Una prestigiosa nomina, giunta oggi pomeriggio a Roma da parte del Comitato Nazionale, che quindi lo vede inserito nei quadri del Settore Tecnico dell'Associazione Italiana Arbitri.

Motosso (nella foto insieme al presidente Franco Cane), dopo quattro anni a livello nazionale come osservatore arbitrale della Can 5, porterà quindi la propria esperienza al servizio dei giovani arbitri del calcio a cinque liguri. 

Nel Settore Tecnico dell'Aia è entrato oggi anche un altro associato della sezione di Imperia. Si tratta di Lorenzo Bonello che è stato nominato componente del modulo perfezionamento e valutazione tecnica. Per Bonello si tratta del ritorno in un ruolo che aveva già ricoperto in passato per un anno, prima di diventare Mentor e poi componente del Cra Liguria.

Soddisfazione per questi risultati, che premiano la compagine degli arbitri imperiesi anche a livello dirigenziale, è stata espressa dal presidente Franco Cane.


Mauro Bergonzi è il nuovo presidente del Cra Liguria

Mauro Bergonzi è il nuovo presidente del Cra Liguria. La nomina è stata ufficializzata questo pomeriggio a Roma dal presidente nazionale Marcello Nicchi. Bergonzi, che ha concluso solo pochi giorni fa la sua esperienza sui terreni di giuoco per limiti di permanenza nel ruolo, è entrato a far parte dell'Associazione Italiana Arbitri nel dicembre del 1990 presso la sezione di Genova.
Il suo passaggio a livello nazionale, nella commissione scambi, avviene nel 96/97, l'anno successivo approda alla Can D e dopo tre stagioni arriva all'allora Can C. Al 2002/2003 risale il suo passaggio alla Can A - B (divenuta nel 2010 Can A) dove è rimasto per 12 stagioni sportive. Nel 2009 è divenuto arbitro internazionale, nomina che ha mantenuto per cinque anni.
In carriera Mauro Bergonzi, considerato uno dei migliori arbitri italiani, ha collezionato 150 presenze in serie A e 99 in serie B. Tra le partite dirette figurano due derby di Roma, uno di Torino ed uno di Milano, oltre alle principali classiche tra le squadre di vertice e la finale di Supercoppa tra Inter e Roma.
Ora questo nuovo importante incarico alla guida del Cra Liguria per portare la sua esperienza ed un forte entusiasmo ai giovani colleghi della regione. Al neo presidente Mauro Bergonzi gli auguri di buon lavoro da tutta la sezione di Imperia !

                                                                                 Federico Marchi


Nuove promozioni nazionali per la sezione di Imperia

E’ salito a 13 il numero di associati della sezione Aia di Imperia che operano a livello nazionale. Nelle ultime ore sono stati infatti comunicati a Roma, da parte del presidente nazionale Marcello Nicchi, gli organici per la stagione sportiva 2014/2015.

I passaggi di quest’anno a livello nazionale hanno riguardato quattro associati imperiesi: gliosservatori Giuseppe Venuto e Federico Marchi (foto a sinistra) che dalla Cai sono transitati in Can D, l’assistente Maurizio Ferrari (nella foto a destra) che dalla regione è stato promosso alla Can D e l’osservatore del calcio a cinque Giampaolo Rosato che approda a livello nazionale.

Soddisfatto per questo nuovo risultato si è dichiarato il presidente della sezione Aia di Imperia Franco Cane, che ha sottolineato come con passione, serietà ed impegno, si possano raggiungere ambiti traguardi.

Questo è quindi il quadro aggiornato degli imperiesi che operano negli organi tecnici nazionali:

In Can A l'arbitro Davide Massa, nominato internazionale lo scorso gennaio.

In Can B l'assistente Stefano Alassio (che conta già due presenze in serie A) e l'osservatore Luca Amoretti alla sua seconda stagione nella serie cadetta.

In Can Pro l'arbitro Fabio Piscopo.

In Can D gli assistenti Massimiliano Magri e Maurizio Ferrari, e gli osservatori Luigi Rambaldi,Federico Marchi e Giuseppe Venuto.

Alla Can 5 gli arbitri Ettore Quarti, Omar Stoppa e Gianluca Morelli e l'osservatore Giampaolo Rosato (foto a lato).

La sezione di Imperia organizza continuamente corsi gratuiti per diventare arbitri di calcio. Per informazioni è possibile scrivere una mail all'indirizzo imperia@aia-figc.it


I liguri a Roma per il raduno nazionale Cai dei Play Off

Sono stati sei i liguri che hanno partecipato, ognuno nei propri ruoli, al raduno nazionale dei Play Off della Cai, che si è svolto a Roma presso il Mancini Park Hotel il 16 e 17 maggio. Si tratta degli arbitri Matteo Marcenaro della sezione di Genova, Mario Gallione di La Spezia ed Alex Feraudo di Chiavari, e dell´osservatore Federico Marchi di Imperia. All´importante appuntamento hanno partecipato anche il coordinatore del Settore Tecnico Marcello Marcato di Genova e il responsabile del modulo Perfezionamento e Valutazione Luca Gaggero di Savona,impegnati in una riunione del Settore Tecnico. Due giorni intensi, in cui non sono mancati test atletici e riunioni tecniche, durante le quali sono state preparate le partite che decideranno le promozioni in serie D e le permanenze in Eccellenza nei vari campionati italiani.


Articolo uscito su Il Secolo XIX del 24 aprile 2014


L'osservatore Franco Colombo vince il premio "Stefano Grasso"

L'osservatore arbitrale imperiese Franco Colombo ha ricevuto il premio "Stefano Grasso", giunto alla sua 15° edizione, per essersi particolarmente distinto durante l'ultima stazione sportiva. La cerimonia si è svolta durante una serata a Loano, in occasione del tradizionale Premio Geddo, nella quale sono stati consegnati i vari premi assegnati dalla sezione di Albenga agli associati liguri impegnati nei vari ruoli. Franco Colombo è così entrato a far parte dell'albo d'oro che comprende già alcuni importanti osservatori arbitrali liguri, alcuni dei quali hanno fatto carriera raggiungendo alti livelli nazionali. A consegnare sul palco il premio a Franco Colombo, davanti al componente del Comitato Nazionale dell'Aia Alberto zaroli e ad una sala gremita di associatiprovenienti da tutta la regione, è stato in persona il presidente del Comitato Regionale Arbitri della Liguria Andrea Torti. "Come sezione di Imperia siamo estremamente soddisfatti per il premio meritato da Franco Colombo - ha detto il presidente Franco Cane - Si tratta di un riconoscimento che testimonia la preparazione tecnica che Franco, dopo tanti anni trascorsi sui terreni di giuoco a dirigere partite in tutta la Liguria, sta dimostrando anche nel ruolo di osservatore. Con grande impegno sta infatti mettendo la sua esperienza a disposizione dei giovani colleghi, aiutandoli a crescere nel loro percorso arbitrale". Franco Colombo è divenuto arbitro effettivo il 29 marzo del 1980. Come arbitro ha diretto per numerosi anni nei massimi campionati regionali. Il 17 aprile del 2010 ha superato l'esame di abilitazione per diventare osservatore arbitrale. Il 1 luglio del 2011 è transitato in forza all'organo tecnico regionale. A livello associativo è stato dal 1996 al 2002 presidente dei revisori dei conti sezionali, dal 2002 al 2008 componente dello stesso collegio. Dal 2012 fa parte del consiglio direttivo sezionale, divenendone il 1 luglio del 2013 responsabile degli osservatori dell'organo tecnico sezionale.

 

                                                                            Federico Marchi


Concluso con cinque nuovi arbitri l'ultimo corso della stagione 2013/2014

Si è svolto lo scorso 11 aprile, presso i nuovi locali sezionali, l'esame dell'ultimo corso arbitri della stagione 2013/2014. La sezione di Imperia è così cresciuta di cinque nuovi associati, che sono entrati a far parte dell'Associazione Italiana Arbitri. Si tratta di Germano Zambelli, Dylan Calà, Samuel Righi, Yassine Amri e Ciprian Mocanu. Le lezioni del corso sono state tenute dal vicepresidente Federico Marchi e dalla consigliera Federica Sibilla. Soddisfatto per l'esito dei vari corsi svolti durante questa stagione sportiva, che complessivamente hanno portato 17 nuovi arbitri, si è dichiarato il presidente Franco Cane che ha sottolineato l'aumento quantitativo e qualitativoregistrato negli ultimi anni dalla sezione di Imperia. I neo arbitri, che hanno già partecipato alla loro prima riunione tecnica, esordiranno nelle prossime settimane nelle partite dei campionati giovanili.


Gli imperiesi al raduno interregionale di calcio a cinque

Gli arbitri Marco Molinari e Andrea Camaggio, e l'osservatore Giampaolo Rosato, lo scorso 30 marzo insieme agli altri colleghi del CRA Liguria calcio a 5 hanno partecipato a Parma al raduno interregionale con i colleghi Top Class della Toscana e la rosa al completo dell’Emilia Romagna; l'obiettivo dichiarato della riunione congiunta è stato quello di lavorare per ottenere una sempre maggiore uniformità di giudizio anche a livello periferico. Il gruppo ha avuto l'opportunità di seguire diverse lezioni, a partire da quelle del Settore Tecnico: Laura Scanu ha affrontato il tema della condotta gravemente sleale mentre Lello Casale ha chiarito le procedure relative ai tempi supplementari ed ai tiri di rigore. Dopo il pranzo conviviale al circolo Pro Parma, nel pomeriggio è intervenuto Mister Pietro Curci, dirigente della rappresentativa regionale toscana di calcio a 5, il quale ha guidato i fischietti alla scoperta dei segreti relativi all'approccio tattico e mentale che ogni squadra di futsal tiene nel corso della gara. “Mi fa piacere portare i ragazzi a vedere altre realtà, così diverse dalla nostra- ha detto il responsabile del calcio a cinque per il Cra Liguria Gaetano Gangilli - collegandomi all'intervento di mister Curci, ritengo che un buon arbitro debba saper capire sia il carattere e la storia di chi si trova davanti che le situazioni in cui si imbatte: se gli arbitri di oggi sono molto migliorati sul piano atletico, tecnico e tattico, la vera sfida della nostra categoria è la crescita sul piano del comportamentale, iniziative come questa sono utili anche a raccogliere questa sfida”.


Il primo raduno regionale dei referenti sezionali della rivista L'Arbitro

Importante novità in Liguria dove, per la prima volta, si è svolto un raduno dei referenti sezionali della rivista L´Arbitro. L´incontro, coordinato dal referente regionale Federico Marchi (vicepresidente di Imperia), si è svolto presso la sezione di Genova che ha dato la disponibilità dei propri locali per la riunione. Alla giornata ha partecipato il coordinatore del Settore Tecnico Marcello Marcato che ha dato un valido contributo, seguendo i lavori e proponendo una sua analisi finale. Al raduno non è poi voluto mancare il presidente della sezione del capoluogo ligure Alessandro Masini che, dando il saluto di benvenuto ai colleghi, ha sottolineato l´importanza del ruolo della comunicazione nell´Aia, per la divulgazione anche verso l´esterno del lavoro svolto dall´Associazione. 
Durante il raduno è stata presentata un´analisi delle ultime cinque stagioni sportive, sempre in merito alla comunicazione effettuata dal Cra Liguria e dalle sette sezioni della regione, e sono state impartite le direttive operative. Numerosi poi i video proiettati che hanno riguardato il modo di rappresentare la figura arbitrale e di raccontare il lavoro svolto dalle sezioni. Al termine tutti i referenti sezionali sono intervenuti con idee e proposte su come implementare ulteriormente questo settore, sempre più importante ed apprezzato, per raccontare l´attività degli arbitri di punta ma anche per far emergere le tantissime storie, calcistiche e non, che vedono protagonisti gli associati dell´Aia.
I referenti sezionali liguri della rivista, oltre al referente regionale Federico Marchi (della sezione di Imperia) sono: Alessandro Sbarile (Albenga), Andrea Bosio (Savona), Giulia De Stefano (Genova), Emmanuel Crova (Chiavari), Luca Baldini (La Spezia) e Davide Maccagno (Novi Ligure).
Ai partecipanti è stato offerto da parte della Sezione di Genova un rinfresco, come sempre ottimamente organizzato dai consiglieri Luciano Talotta e Marco Bozzini, mentre la logistica è stata curata da Michelangelo Metta.


Riunione con il componente della Can 5 e designatore della serie B Antonio Mazza

La realtà del Calcio a Cinque è stata al centro di una riunione organizzata dalla sezione di Imperia che ha visto come ospite Antonio Mazza, componente della CAN 5 e designatore della Serie B. Nella sua esposizione ha illustrato la crescita del movimento del Futsal, mostrando una serie di immagini relative a situazioni di giuoco. "Il calcio a cinque è gioco, spettacolo, velocità e viene ormai svolto in palcoscenici importanti. - ha detto Mazza - Gli arbitri devono quindi prepararsi in maniera adeguata sia a livello atletico sia a livello tecnico".
La riunione è stata seguita da numerosi associati liguri in forza alla CAN 5, tra i quali gli arbitri imperiesi Ettore Quarti, Omar Stoppa e Gianluca Morelli, e l'osservatore Antonello Motosso, che, in qualità di punto di riferimento del Calcio a Cinque nell'estremo ponente ligure, ha introdotto l'ospite.
Un saluto a nome del Comitato Regionale Arbitri della Liguria è stato portato dal componente Lorenzo Bonello, che ha elogiato il movimento del Calcio a Cinque per la grande evoluzione che ha vissuto negli ultimi anni.

"Durante questa serata i nostri associati, tra i quali anche i 12 neo immessi, hanno avuto modo di approfondire ancora di più il mondo del Calcio a Cinque. - ha commentato il presidente della sezione di Imperia, Franco Cane - Antonio Mazza ha poi saputo coinvolgere tutti i presenti proponendo differenze ed analogie del Futsal rispetto al Calcio a 11".

 

                                           Federico Marchi


Nuovi arbitri grazie ad un progetto didattico di un liceo

Continua a crescere la sezione di Imperia che, dopo gli ultimi esami, conta circa 135 associati. Nei giorni scorsi si è infatti concluso un corso arbitri che ha portato 12 nuovi ragazzi ad indossare la divisa da arbitro. "Si tratta per la maggior parte di giovani tra i 17 ed i 18 anni, tra cui una ragazza, che a breve esordiranno nelle categorie giovanili, iniziando la propria esperienza all'interno dell'Associazione Italiana Arbitri" ha commentato il presidente Franco Cane. Molti di loro hanno seguito le lezioni all'interno di un progetto didattico organizzato in collaborazione con il liceo di Sanremo, grazie al sostegno del professor Giuseppe Losa, mentre altri hanno frequentato le lezioni a Ventimiglia tenute dall'arbitro della CAN 5 Ettore Quarti. Di sicuro richiamo sono i successi ottenuti in questi anni dalla sezione di Imperia, che recentemente ha registrato la prestigiosa nomina ad internazionale di Davide Massa. Da segnalare poi la presenza in CAN B dell'osservatore Luca Amoretti e dell'assistente Stefano Alassio, che ha già esordito in serie A, e in CAN Pro dell'arbitro Fabio Piscopo. Intanto è già partito un nuovo corso arbitro che porterà ulteriore linfa alla sezione dell'estremo ponente ligure.

 

                                 Federico Marchi


Il carisma e la competenza di Stefano Farina

Avvalendosi di numerosi filmati, il responsabile della CAN Pro Stefano Farina ha svolto una coinvolgente lezione durante una riunione tecnica organizzata dalla sezione di Imperia. "Determinante è la capacità di lettura di una gara, cogliendone i momenti chiave, assumendo decisioni e sostenendone il peso" ha detto Farina ai giovani fischietti imperiesi. "E' stata una riunione dall'alto tasso tecnico. - ha commentato il presidente della sezione di Imperia, Franco Cane - Serate come questa contribuiscono fortemente alla crescita degli associati che, già da domenica prossima, scenderanno sul terreno di giuoco con un bagaglio culturale sportivo più importante". A seguire la lezione, oltre a tutti gli associati liguri che operano alla CAN Pro, tra cui l'arbitro di casa Fabio Piscopo, erano presenti l'assistente Stefano Alassio e l'osservatore Luca Amoretti della CAN B,ed una rappresentanza del Settore Tecnico con il coordinatore Marcello Marcato, il vice responsabile Francesco Milardi, Luca Gaggero e Vincenzo Meli. Ad aprire la serata era stata però la consegna di una pergamena per i 50 anni di tessera all'ex presidente Bruno Di Fabio. Quel momento è stato salutato da un grande e sentito applauso, con il quale tutti gli associati hanno voluto stringersi intorno a Bruno, che della sezione di Imperia è anche il presidente onorario. Di Fabio, in realtà molto più giovane dei suoi 75 anni anagrafici, ha infatti sempre voluto dare il proprio contributo per la crescita dei giovani colleghi, andandoli a vedere nelle loro prime partite. Affetto e passione che gli sono sempre stati riconosciuti.

 

                                   Federico Marchi


Un brindisi per la nomina ad internazionale di Davide Massa

C'è stato un brindisi in più durante la cena organizzata dalla sezione di Imperia in occasione del Natale. Proprio alla vigilia di queste festività, infatti, è giunta la notizia della nomina ad arbitro internazionale del proprio associato Davide Massa (nella foto insieme all'altro neo internazionale Marco Guida). L'annuncio, avvenuto in occasione dell'incontro di fine anno di Coverciano, è stato accolto con un grande entusiasmo dai fischietti dell'estremo ponente ligure. "Questo è un risultato straordinario, - ha commentato il presidente della sezione di Imperia Franco Cane - la nostra sezione nella sua storia non aveva mai avuto un arbitro in Serie A e ora, con Davide Massa, abbiamo un associato che ha addirittura raggiunto la nomina di internazionale. Ricordo ancora quando Davide, che aveva da poco compiuto 15 anni, varcò la porta della sezione per iscriversi al corso arbitri. Ora questo prestigioso traguardo deve essere da stimolo per tutti i nostri associati che dirigono partite nelle varie categorie, da quelle provinciali a quelle nazionali". Massa fa parte dell'organico degli arbitri della CAN A dal luglio del 2012, anche se il suo esordio nella massima categoria risale al 23 gennaio 2011 nella partita Fiorentina - Lecce. Fino ad oggi ha arbitrato 30 partite di serie A, 8 delle quali in questa stagione, e 40 di serie B. Intanto proprio in queste settimane si stanno concludendo in provincia di Imperia i nuovi corsi per diventare arbitro di calcio e tentare di seguire le orme del neo internazionale Massa.

 

                       Federico Marchi


Big ed esordienti insieme al raduno sezionale precampionato

Arbitri dell'ultimo corso e colleghi che operano ai massimi livelli nazionali fianco a fianco. Questo è stato lo spirito del raduno precampionato organizzato dalla sezione di Imperia. Al raduno, insieme agli oltre 100 arbitri imperiesi, non sono infatti voluti mancare i colleghi che operano in campo nazionale come l'arbitro Davide Massa della Can A, l'assistente Stefano Alassio e l'osservatore Luca Amoretti entrambi della Can B, e gli arbitri della Can 5 Ettore Quarti, Omar Stoppa e Gianluca Morelli. La giornata si è aperta con i tradizionali test atletici che, a causa del maltempo, sono stati effettuati all'interno della palestra San Camillo. Nel pomeriggio, presso la sede del Coni, si sono svolti i quiz e le riunioni tecniche alla presenza di Luca Gaggero, responsabile del modulo Perfezionamento e Valutazione del Settore Tecnico, che ha illustrato le novità regolamentari di quest'anno anche attraverso la visione di alcuni filmati relativi a situazioni di giuoco. "La sezione di Imperia sta vivendo un momento particolarmente felice - ha commentato il presidente Franco Cane - Davide Massa, che ormai è entrato da tempo stabilmente nell'organico degli arbitri di serie A, deve rappresentare un esempio per tutti i nostri associati. Con una giusta preparazione tecnica ed atletica, oltre ad un'imprescindibile serietà e spirito di sacrificio, ogni traguardo è possibile". Per il CRA Liguria era presente il responsabile degli assistenti Maurizio Viazzi. Il raduno si è concluso con le disposizioni tecniche impartite dal presidente Franco Cane per la stagione 2013/2014.

 

                              Federico Marchi


Il raduno regionale di inizio stagione sportiva

In un clima di entusiasmo si è svolto a Loano il raduno precampionato organizzato dal Comitato Regionale Arbitri della Liguria guidato, per il quinto anno consecutivo, dal presidente Andrea Torti. All'importante appuntamento di inizio stagione hanno partecipato 45 arbitri, 22 assistenti e 33 osservatori. 
Una due giorni intensa di lavori iniziata con i test atletici svolti presso il campo sportivo Ellena, dove il presidente Torti e il neo responsabile degli assistenti Maurizio Viazzi, che vanta 105 gare lungo le linee laterali della serie A, hanno tenuto una lezione direttamente sul terreno di giuoco. 
Il pomeriggio si è aperto, presso il centro del Loano 2 Village, con un saluto del componente del comitato nazionale dell'AIA Maurizio Gialluisi. "Il raduno di inizio stagione sportiva è un momento molto importante. - ha detto a tutti i presenti - Durante il Campionato dovete impegnarvi in modo da cercare di mettere in difficoltà il Comitato Regionale che vi deve selezionare". 
Presenti per il settore tecnico il vice responsabile Guido Falca ed i componenti Pier Giorgio Alesso e Anna Achena, che, oltre ai quiz regolamentari, hanno illustrato la circolare numero 1 grazie anche all'ausilio di alcuni filmati. Grande interesse e partecipazione da parte di arbitri, assistenti ed osservatori hanno suscitato anche altri video proiettati, inerenti situazioni particolari che possono verificarsi sul terreno di giuoco. 
"Quello che abbiamo chiesto ai ragazzi - ha detto il presidente Torti - è di dare il massimo impegno per cercare di fare ancora meglio della scorsa stagione sportiva. Sul campo bisogna andare con la massima serietà e preparazione, ma anche con la volontà di divertirsi. In questo raduno ci siamo preparati adeguatamente affinché tutti gli associati possano iniziare nel migliore dei modi i vari campionati". 
Lo stesso Torti ha poi presentato i vari componenti del CRA Liguria che presenta alcune novità rispetto allo scorso anno, come per esempio il suo nuovo vice Massimiliano Sirchia ed il segretario Mariano Zito. 
La seconda giornata ha visto l'intervento anche degli osservatori, prima in riunione congiunta con arbitri ed assistenti e poi da soli per ricevere le direttive dal loro nuovo responsabile Lorenzo Bonello. 
Non è mancata la presentazione dei quattro talent nazionali, agli ordini del nuovo mentor Antonio De Fano, e degli 11 talent regionali coordinati dal componente del CRA Enrico Zanichelli.

 

                                   Federico Marchi


Il mondo del Futsal con Francesco Massini

E' stata una riunione che ha riscosso grande successo, non soltanto tra gli arbitri che operano nel calcio a 5, quella organizzata dalla sezione di Imperia che ha visto come protagonista l'internazionale della Can 5 Francesco Massini. Il fischietto della sezione “Dattilo” di Roma ha ripercorso la sua carriera ed ha illustrato la realtà del Futsal, proponendo le varie e numerose analogie con il calcio a undici anche a livello regolamentare. "Questa sera abbiamo avuto il piacere di avere in riunione un arbitro di altissimo profilo. - ha detto Antonello Motosso, osservatore alla Can 5 della sezione di Imperia - Massini ha all'attivo oltre 150 gare nella massima categoria nazionale ed è stato nominato internazionale nel 2007, dove conta 50 presenze tra cui alcune gare di primo piano in tutto il Mondo". Massini si è soffermato sulle grandi opportunità che l'Aia offre anche nel calcio a cinque, proiettando anche numerose diapositive e slides, con soddisfazioni che ripagano di tutti i sacrifici che l'arbitraggio richiede. "L'Aia mi ha dato tanto ed io la considero come una seconda famiglia" ha infatti detto Massini ai giovani colleghi. Per l'occasione alla serata hanno preso parte anche associati provenienti da altre sezioni liguri. La stessa sezione di Imperia sta puntando molto, negli ultimi anni, sul calcio a cinque con il risultato di raggiungere traguardi importanti con i tre propri arbitri in forza alla Can 5: Ettore Quarti, Omar Stoppa e Gianluca Morelli, oltre all'osservatore Antonello Motosso, vero trascinatore sezionale per questa specialità. "Anche in Liguria il calcio a cinque è ormai una realtà importante; - ha detto a nome del Cra Liguria il componente Michele Manera presente alla riunione - in questa regione ci sono infatti associati che si sono tolti grandi soddisfazioni".

 

                              Federico Marchi


Festa per la prima in serie A di Stefano Alassio

Nuova grande soddisfazione per la sezione arbitri di Imperia. Lo scorso 7 aprile ha esordito in serie A l'assistente Stefano Alassio nella partita Udinese - Chievo diretta da Antonio Damato. Si è trattato di un risultato storico per una sezione come quella imperiese che, su un totale di circa 135 associati, conta nella massima categoria già l'arbitro Davide Massa e l'assistente Maurizio Viazzi che poche settimane fa ha collezionato la 100ª presenza in serie A. Stefano Alassio, entrato a far parte dell'Aia il 14 dicembre del 1995, come arbitro ha raggiunto il livello nazionale dove ha operato per quattro stagioni, una alla Cai e tre alla Can D. All'inizio della stagione 2009/2010 la decisione di intraprendere l'avventura con la bandierina in mano che lo ha portato, dopo tre anni in forza alla Can Pro, alla promozione in Can B lo scorso mese di luglio dove ha già collezionato 18 presenze. "Stefano è sempre stato molto legato alla sezione dove in passato è stato anche segretario e membro del consiglio direttivo - ha detto il presidente di Imperia Franco Cane - ora si occupa dell'aspetto associativo, in particolare come allenatore della nostra squadra di calcio in occasione dei tornei organizzati dalle sezioni italiane". La prima in A di Stefano Alassio è stata salutata dai colleghi con una grande festa, che ha testimoniato come questo risultato sia stato importante non solo per lui ma per l'intera sezione.

 

                          Federico Marchi


Trentalange: “Raggiungere la solidarietà tecnica”

Rimarrà sicuramente un tassello importante del bagaglio di esperienze di tutti gli arbitri della sezione di Imperia, la riunione che ha visto l'intervento del responsabile del Settore Tecnico, Alfredo Trentalange. Una serata in cui l'aspetto tecnico e la passione per il ruolo arbitrale si sono fusi in circa due ore di lezione, durante le quali si è creato un particolare feeling con i giovani arbitri imperiesi che sono divenuti parte attiva della riunione. "Questa serata ha rappresentato un momento importante di crescita tecnica ed associativa per tutti i nostri ragazzi" ha detto il presidente della sezione di Imperia Franco Cane. Trentalange era accompagnato dal coordinatore del Settore Tecnico, Marcello Marcato di Genova, e dal componente dell'Area Formazione, Luca Gaggero di Savona. "Dobbiamo riuscire a parlare tutti con la stessa lingua. - ha detto Alfredo Trentalange - Questo è infatti l'obiettivo del Settore Tecnico. L'uniformità sarà magari difficile, ma bisogna raggiungere la solidarietà tecnica. Si cresce più per confronto che per didattica". Di grande interesse è stata la proiezione di alcuni filmati relativi a situazioni di giuoco selezionate dal Settore Tecnico, per le quali gli arbitri imperiesi si sono fatti coinvolgere in un interessante e costruttivo dibattito. Trentalange si è poi soffermato sulla figura dell'arbitro, rivolgendosi soprattutto ai colleghi più giovani, alcuni dei quali entrati a far parte dell'AIA da poche settimane. "L'arbitro è una persona che ha un profondo senso di giustizia. - ha detto - In pochi attimi, in un ambiente magari ostile, deve prendere una decisione ed assumersene le responsabilità. L'arbitro è uno strumento di pace per arrivare alla giustizia". A portare il saluto del CRA Liguria è intervenuto il presidente Andrea Torti, il vice Giovanni Crucioli ed il componente Michele Manera. In sala anche numerosi ospiti provenienti da altre sezioni della regione, oltre al delegato provinciale della Figc, Corrado Angeloni.

 

                     Federico Marchi


Standing ovation per la 100^ in A di Maurizio Viazzi

Tutti in piedi ad applaudire un risultato storico per l'intera sezione. Così i colleghi di Imperia hanno voluto festeggiare la 100° presenza in serie A dell'assistente arbitrale Maurizio Viazzi raggiunta domenica scorsa con la partita Milan - Palermo. Un traguardo che è stato infatti considerato estremamente importante per tutto il mondo arbitrale imperiese. "Questo risultato prestigioso rappresenta una grande soddisfazione per tutta la sezione, che si va ad aggiungere a quella per Davide Massa, entrato ormai a far parte in forma stabile degli arbitri di serie A. - ha detto il presidente della sezione di Imperia, Franco Cane - La loro presenza nella massima categoria nazionale è uno stimolo per tutti i nostri giovani associati e un esempio per i ragazzi e le ragazze che intendono provare quest'esperienza". Maurizio Viazzi, entrato a far parte dell'AIA nel 1986, dopo aver raggiunto il livello nazionale come arbitro, nel 1998 è transitato nel ruolo di assistente arbitrale iniziando la carriera con la bandierina in mano. Promosso nell'allora Can A/B nel luglio 2003, ha esordito in serie A il 24 settembre 2004 nella partita Livorno - Atalanta. In questi 10 anni è stato chiamato a svolgere la mansione di assistente arbitrale con tutte le principali squadre italiane. Pur non essendo di nomina internazionale, in carriera è stato designato anche per un preliminare di Champions League a Mostar (Bosnia Erzegovina), per la preolimpica Spagna - Messico (lo scorso anno) e per numerose finali di Campionato e Coppa in Quatar, Tunisia e Marocco. In serie B conta 84 presenze. Tutta la sezione ha così voluto esprimere la propria soddisfazione per questo risultato conseguito da un collega che, vero esempio di professionalità e umiltà, si è sempre mostrato vicino ai giovani arbitri, mettendo a loro disposizione la propria esperienza e fornendo i consigli richiesti. L'occasione è stata l'ultima riunione che ha visto la presenza di ospiti illustri come il responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, il coordinatore Marcello Marcato, il componente Luca Gaggero e i massimi dirigenti del CRA Liguria con il presidente Andrea Torti, il vice Giovanni Crucioli ed il componente Michele Manera.

 

                       Federico Marchi


La visita di Maurizio Mariani, fresco di Serie A

E' giunta pochi giorni dopo il suo esordio in serie A la visita di Maurizio Mariani presso la sezione di Imperia. Una serata che quindi ha assunto un interesse ancora maggiore per gli associati del ponente ligure, che per l'occasione si sono presentati numerosi all'appuntamento. Mariani, attualmente in forza alla Can B, ha avuto un approccio molto diretto ed amichevole con i colleghi che gli hanno posto molte domande in merito all'esperienza vissuta durante la sua prima partita di serie A: Chievo Verona - Atalanta. Durante la riunione Mariani ha mostrato ai giovani associati imperiesi alcune situazioni di giuoco che lo hanno visto protagonista sul terreno di giuoco. Si trattava di dinamiche in cui lui ha assunto decisioni corrette ma anche alcune con valutazioni sbagliate. L'intento era, infatti, quello di analizzare queste situazioni e capire il motivo che aveva portato all'errore. "E' stata una lezione molto costruttiva, - ha commentato il presidente della sezione di Imperia, Franco Cane - serate come queste portano benefici sia a livello tecnico, con una crescita di tutto il gruppo derivante dal confronto collettivo, sia a livello associativo aumentando l'affiatamento all'interno della nostra associazione".

 

                                Federico Marchi


Franco Cane si riconferma presidente

Un grande applauso ha salutato la riconferma di Franco Cane alla presidenza della sezione di Imperia. La sua è stata un'elezione scontata, la sezione infatti si è unita intorno alla sua persona tanto che la sua è stata l'unica candidatura per il prestigioso ruolo. Il primo dato che è stato sottolineato, in occasione della relazione biennale, è stata la crescita della sezione salita dai 101 associati del 2010 ai 122 attuali. Tra questi anche molti nazionali come l'assistente della Can A Maurizio Viazzi e l'arbitro della Can B Davide Massa. "Tutto questo deve farci riflettere sulle potenzialità che l'arbitraggio e la passione per questo ruolo continuano ad esistere, seppur in un calcio in continua evoluzione e con le molte difficoltà che ci sono, soprattutto nei campetti di periferia - ha detto il presidente Franco Cane - All'aspetto quantitativo, comunque, deve imprescindibilmente unirsi anche quello qualitativo, inteso però non solo come bravura nel dirigere una gara, ma anche e soprattutto sotto l'aspetto comportamentale che deve sempre essere alla base del modo di vivere di un arbitro. Come diciamo sempre, infatti, bisogna essere prima arbitri nella vita e poi sul terreno di giuoco". Franco Cane, arbitro benemerito, rimane così alla guida della sezione di Imperia come già fatto nel mandato che si sta concludendo e in una parte di quello precedente. Il ruolo di presidente dell'assemblea è stato ricoperto da Roberto Minazzi e quello di segretario da Luca Amoretti. "Il ringraziamento più grande per questa mia riconferma, oltre ai consiglieri sezionali e a chi, pur non essendo nel direttivo, in questi anni si è speso ed ha lavorato per il bene della sezione - ha concluso Cane - è indistintamente per tutti gli associati che mi permettono di svolgere questo ruolo e di cercare di rappresentarli come meglio posso". Durante l'assemblea, in cui ha partecipato anche il componente del Cra Liguria Michele Manera da poco nominato benemerito, sono stati eletti come revisori dei conti Antonello Motosso e Riccardo Semeria.

 

                                                                                          Federico Marchi


Il regolamento con il componente della Cai Mauro Felicani

E´ stato l´aspetto tecnico a caratterizzare la lezione che il componente della Cai Mauro Felicani ha tenuto presso la sezione di Imperia. La riunione, alla presenza di tutti gli associati dell´estremo ponente ligure, si è svolta nella sala del Coni imperiese. Felicani, infatti, ha incentrato l´incontro su alcuni tratti del regolamento. Tra i temi trattati dal componente Cai che hanno attirato maggior interesse da parte dei giovani arbitri presenti, che hanno posto all´ospite numerose domande, ci sono stati il fallo tattico ed il fuorigioco. "E´ stata una serata molto costruttiva - ha analizzato il presidente della sezione di Imperia Franco Cane - Felicani ha saputo tenere alto il livello di attenzione, trattando aspetti regolamentari che si possono presentare durante la direzione di una partita". A dare il benvenuto a Felicani era presente anche il presidente del Cra Liguria Andrea Torti, che ne ha approfittato per dare le raccomandazioni ai ragazzi in vista delle ultime giornate dei campionati. "In questo finale di stagione agonistica è necessario mantenere alta la concentrazione - ha detto Torti - in quanto quelle che ci apprestiamo a dirigere, sono le partite più delicate poiché possono determinare una stagione per le squadre in campo".

 

                                                                                                                  Federico Marchi


Lezione del nostro assistente Can A Maurizio Viazzi

"L´unica possibilità di comunicare che abbiamo passa attraverso un´emozione". Con questa frase, di Steve Jobs il fondatore della Apple da poco scomparso, l´assistente alla Can A Maurizio Viazzi ha aperto una lezione svolta presso la sua sezione di Imperia. Un modo originale per instaurare un approccio diverso con i giovani arbitri. Viazzi, che è alla nona stagione nella massima categoria nazionale, ha sempre saputo trasmettere ai colleghi le sue esperienze vissute sia all´interno del terreno di giuoco sia all´esterno, mostrandosi sempre disponibile con i più giovani associati anche nell´accompagnarli al campo di allenamento. "Siate voi stessi ed esprimetevi per quello che siete - ha detto Viazzi - Per arbitrare serve personalità, coraggio, intelligenza, tecnica, tattica e preparazione atletica. Sul terreno di giuoco fatevi scivolare quello che accade fuori ed abbiate il coraggio di seguire il vostro intuito. A prescindere dalle categorie in cui si è impiegati, quello che rimane è l´amicizia che si crea all´interno della nostra associazione". Nell´occasione sono state anche consegnate le divise ai nuovi arbitri che, al termine dell´ultimo corso organizzato dalla sezione di Imperia, sono entrati a far parte dell´Associazione Italiana Arbitri, che così hanno avuto subito l´esempio di cosa voglia dire rimanere umili anche quando, come il loro collega Maurizio Viazzi, si raggiungono i massimi livelli nazionali.


                                                                                             Federico Marchi


Gli imperiesi al raduno regionale del Cra Liguria

Sono stati sei gli appartenenti alla sezione arbitri di calcio di Imperia che lo scorso weekend sono stati convocati al raduno precampionato regionale, che si è svolto a Tortona, dove si sono riuniti i migliori arbitri, assistenti ed osservatori della Liguria che operano nei campionati di Promozione ed Eccellenza. La delegazione imperiese era composta dagli arbitri Simone Alassio, Angelo Bernardinello e Simone Catalano, dall'assistente arbitrale Massimiliano Magri, e dagli osservatori Federico Marchi e Franco Colombo. Ad accompagnarli è stato il presidente della sezione arbitri di Imperia Franco Cane. Al raduno precampionato hanno partecipato anche l'imperiese Stefano Amoretti, riconfermato nel settore tecnico nazionale in qualità di Mentor Ligure, e la sanremese Federica Sibilla responsabile della preparazione atletica di tutti gli arbitri liguri. Il raduno è iniziato con le prove atletiche, svolte presso il campo sportivo di Novi Ligure, ed è proseguito con una serie di riunioni in cui sono stati effettuati i test regolamentari, e sono state illustrate le direttive del Comitato Regionale e le novità tecniche introdotte per questa stagione sportiva.


Lezione con Maria Luisa Fecola e Francesca Muccardo

Appuntamento speciale per la sezione di Imperia che, alla presenza di due particolari ospiti, ha dedicato un’intera riunione tecnica al Calcio a 5. All’incontro, che si è svolto presso la sede del Coni ad Imperia, sono intervenute due arbitri donne internazionali: Maria Luisa Fecola di Forlì e Francesca Muccardo della Sezione di Roma 2. Le due colleghe hanno intrattenuto i presenti raccontando le loro esperienze arbitrali, da quando hanno deciso di entrare nell’Associazione Italiana Arbitri fino al raggiungimento della loro attuale qualifica, soffermandosi sulle caratteristiche del Calcio a 5. Maria Luisa Fecola ha diretto la sua prima gara internazionale il 27 ottobre del 2009. Si trattava di Italia - Bielorussia, amichevole in preparazione del Campionato Europeo che si è poi disputato nel gennaio successivo in Ungheria. Francesca Muccardo, lo scorso dicembre, è stata designata dalla Commissione Internazionale quale arbitro della finale tra Brasile e Portogallo del primo torneo di Futsal femminile, organizzato in Spagna. Promotore della serata è stato Antonello Motosso che, dopo una lunga attività come arbitro e come responsabile sezionale del calcio a 5, è approdato lo scorso anno a livello nazionale come osservatore della Can 5. "L'incontro con due colleghe di questo livello - ha detto Motosso – è stata l'occasione per approfondire il mondo del calcio a 5. Una realtà in continua crescita, con numerosi colleghi che si sono dedicati esclusivamente alla direzione di partite di calcio a 5, un settore quindi che merita grande attenzione". La sezione di Imperia vanta anche un arbitro alla Can 5, con l'associato Ettore Quarti. "Questa riunione ha costituito per tutti noi un momento di crescita sia tecnica sia associativa" ha concluso il presidente della sezione Aia di Imperia Franco Cane.


                                                                                                            Federico Marchi


Donata al sindaco di Sanremo una divisa autografata dal presidente Nicchi

 

Il sindaco di Sanremo Maurizio Zoccarato e l'amministratore della Sanremo Promotion Giorgio Giuffra hanno ricevuto dall'Associazione Italiana Arbitri una divisa ufficiale di serie A autografata dal presidente nazionale Marcello Nicchi. "Vogliamo così ringraziare il Comune di Sanremo per l'ospitalità,dimostrata lo scorso 18 febbraio, in occasione della visita del nostro presidente nazionale Marcello Nicchi - ha detto il presidente della sezione Aia di Imperia Franco Cane - Per noi si è trattato di un giorno storico culminato con la riunione, svolta all'interno dell'aula consiliare di Sanremo, alla presenza di Marcello Nicchi, dell'assessore allo sport Alessandro Il Grande e di un centinaio di persone tra dirigenti ed arbitri provenienti da tutta la Liguria". Anche il presidente Nicchi ha voluto inviare un messaggio di ringraziamento al Comune per la disponibilità e l'accoglienza ricevuta a Sanremo, città dove, prima di diventare uno dei principali arbitri di serie A, esordì in serie C1 nel 1983 nella partita Sanremese - Treviso. 

(Nella fotografia il vicepresidente Federico Marchi consegna la divisa al sindaco Maurizio Zoccarato e a Giorgio Giuffra) 

 


La visita del presidente nazionale Marcello Nicchi

Si è svolta all’interno della prestigiosa aula consiliare del Comune di Sanremo la riunione tecnica della sezione di Imperia cui ha preso parte il presidente nazionale dell’Aia Marcello Nicchi. Una giornata speciale per la sezione dell’estremo ponente ligure che, per la seconda volta nella sua storia, ha ospitato il massimo rappresentante dell’associazione. Un evento vissuto mentre la città dei fiori stava respirando l’atmosfera particolare del Festival della Canzone Italiana. “E’ un piacere essere qui con voi ed anche un onore essere in questa bellissima sala – ha detto Nicchi - Questa è un’altra di quelle giornate che piacciono a me, che si vivono nelle sezioni di tutt’Italia e che non fanno neanche sentire la fatica”. Ad accoglierlo, a nome dell’Amministrazione Comunale, l’assessore allo sport Alessandro Il Grande “Credo che quello che gli arbitri svolgono ogni domenica sui campi da giuoco- ha detto - sia un compito molto difficile e delicato, specialmente in un momento in cui nello sport e nella vita in generale è importantissima la correttezza ed il far rispettare le regole. Seppur da spettatore esterno ho potuto apprezzare il lavoro che in questi anni, dalla sua elezione ad oggi, il presidente Nicchi ha portato avanti rendendo più vicina la figura dell'arbitro, una volta visto come un elemento lontano e misterioso del mondo del calcio. Nell’occasione – ha concluso l’assessore - voglio anche fare i complimenti alla sezione di Imperia per gli ottimi risultati ottenuti con il recente esordio in serie A dell'arbitro Davide Massa e per le prestazioni dell'assistente Maurizio Viazzi e dell'osservatore Lorenzo Bonello, ormai da diversi anni punti fermi nella massima categoria”. Presenti associati provenienti da tutta la Liguria, i massimi dirigenti regionali della Lnd – Figc ed alcuni rappresentanti di società calcistiche locali. “Siamo onorati di avere con noi il presidente nazionale Marcello Nicchi in questa giornata memorabile per la sezione di Imperia – ha detto il presidente Franco Cane - Con i nuovi 15 colleghi, promossi al termine dell’ultimo corso, siamo saliti a quota 135 associati, con l’obiettivo di arrivare presto a 150”. “Come comitato regionale ringraziamo il presidente Nicchi per aver visitato tutte le sette sezioni liguri – ha commentato il componente Michele Manera - In 100 anni dell’associazione questo non era mai accaduto”. Proprio a Sanremo Nicchi esordì, il 30 gennaio del 1983 nella partita Sanremesi – Treviso, in serie C1. “Per me a Sanremo si è aperto un futuro arbitrale, quindi sono molto affezionato a questa città” ha ricordato il presidente dell’Aia.

                                                          

                                                                                 Federico Marchi


Grande festa per la "prima" in A di Davide Massa

Grande festa nella sezione di Imperia per il recente esordio di Davide Massa in serie A. Quello che è stato un vero evento, mai infatti un arbitro imperiese aveva diretto una partita della massima categoria nazionale, è andato in scena il 23 gennaio scorso in occasione di Fiorentina – Lecce. Davide Massa, 29enne di Caravonica piccolo centro nell’immediato entroterra imperiese, è entrato a far parte dell’Associazione Italiana Arbitri nel gennaio del 1997. Nel luglio scorso, dopo alcune brillanti stagioni in Can Pro, è stato promosso alla Can B, esordendo nel campionato cadetto il 28 agosto nella partita Vicenza – Portogruaro. I risultati positivi di quest’inizio di stagione gli hanno aperto le porte per questa “prima” in serie A, seguita direttamente dagli spalti del “Franchi” di Firenze da una trentina di associati imperiesi. “Siamo veramente orgogliosi di questo prestigioso traguardo – ha commentato il presidente della sezione Aia di Imperia Franco Cane – Personalmente quando ho saputo del suo esordio credo di essermi emozionato ancora più di lui. Ora questo risultato potrà essere un traino per altri ragazzi che vogliono provare ad indossare la divisa di arbitro”. La sezione di Imperia, che conta circa 120 associati, è già presente in serie A con l’assistente Maurizio Viazzi e l’osservatore Lorenzo Bonello. “Non possiamo vedere l’esordio di Davide Massa che con grande soddisfazione – commenta il presidente del Comitato Regionale Arbitri ligure Andrea Torti – La Liguria ha sempre espresso direttori di gara di valore che, prima di approdare nel grande palcoscenico nazionale, si sono formati sui campi della nostra regione. Il nostro impegno è quello di formare giovani arbitri preparandoli tecnicamente ed atleticamente. Ragazzi che, a livello comportamentale, ancora prima che arbitri devono dimostrare di essere degli uomini”. 

 

                                                                                                                    Federico Marchi


Enkel - Due Metri